Renata Arlotti

Chitarra

Renata Arlotti ha iniziato a studiare chitarra classica nel suo luogo di nascita, a Sassari, continuando poi a Milano, sotto la guida del virtuoso  Lorenzo Micheli.

Si è diplomata con il massimo dei voti al conservatorio della Val d’Aosta e ha conseguito il master di specializzazione presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano con Lorenzo Micheli.  Una volta ammessa alla Royal Academy of Music di Londra, si è laureate sotto la guida di Michael Lewin, David Russell e Fabio Zanon. 

Contemporaneamente ha frequentato l’Accademia Musicale Chigiana di Siena a fianco di Oscar Ghiglia, dove ha conseguito il Diploma di Merito  conferito ai migliori allievi dell’Accademia.   

Da solista ha suonato in Italia, nel Regno Unito, in Svizzera, in Germania, in Spagna, Francia, Stati Uniti, Giappone e Iran. 

 Per l’etichetta Stradivarius ha realizzato il suo primo disco da solista, all’interno di una collana intitolata Suiftes and Homages, dedicate ai compositori Vicente Asencio e Mario Castelnuovo-Tedesco. Questo disco ha ricevuto diversi premi, oltre alle recensioni entusiaste e al plauso dei critici.   

Renata Arlotti suona due chitarre, entrambe opera del liutaio fiorentino Andrea Tacchi.